Differenze tra sigaretta tradizionale ed elettronica

Differenze tra sigaretta tradizionale ed elettronica
0 Flares 0 Flares ×


La sigaretta elettronica a differenza di quella tradizionale, non produce catrame, non si entra a contatto con il monossido di carbonio perché non servono ne fiammiferi ne accendini per accendere la sigaretta ma basta solo spingere un pulsante.

Non sussiste il rischio di fumo passivo per chi sta intorno al fumatore dato che ciò che si esala, è solo vapore acqueo e quando le sigarette elettroniche sono distribuite secondo brevetto e certificazione della comunità europea, possono essere utilizzate anche in luoghi chiusi come cinema, luoghi pubblici ed uffici.

Il contenuto di nicotina presente in una cartuccia, è minore a quello di 10 sigarette tradizionali.

Il fumatore, visto il cambiamento, potrebbe anche decidere di smettere di fumare, anche se per molti è vista come un’alternativa efficace e non abbandonano il vizio.

Il liquido che si acquista per ricaricare la cartuccia, può essere a richiesta del consumatore, anche privo di nicotina.

La sigaretta elettronica non emana cattivi odori e non viene minimamente percepita da chi ci sta attorno.

Le precauzioni d’uso della sigaretta elettronica



Come tutti gli oggetti, anche la sigaretta elettronica va tenuta lontano dai bambini e da coloro che potrebbero farne un uso improprio, non è indicata per le persone che potrebbero subire i danni della nicotina come per esempio i cardiopatici o le persone che soffrono di pressione alta.

E’ da evitare se si è in stato di gravidanza o se si allatta e non bisogna mescolare altri tipi di sostanze oltre la nicotina liquida.

Non bisogna conservare la sigaretta elettronica in luoghi troppo umidi o al contrario, in ambienti troppo caldi ed è’ importante, prima di usare la sigaretta elettronica, consultare il medico curante.

La manutenzione delle sigarette elettroniche.

A differenza delle tradizionali sigarette, la sigaretta elettronica, necessita di una certa manutenzione.

Per prima cosa la batteria va ricaricata ogni qualvolta si esaurisce anche se nella confezione, solitamente, si trova una seconda batteria che permette di fumare anche se la prima è sotto carica. Anche la cartuccia va frequentemente cambiata o riempita con altro liquido.

Il liquido viene venduto in contenitori che permettono ai fumatori, di non dover cambiare spesso il kit o le sigarette con un impatto ambientale davvero molto basso e poco inquinante.




0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Leave a comment

Your email address will not be published.


*